Molatura e Lucidatura con EcoWonderWheel

La cosa più bella che ho nella mia vita, oltre alla mia famiglia, è la mia attività.

Da quando avevo 17 anni, ho sempre partecipato  alle attività della azienda di famiglia, per questo motivo ho sempre sentito parlare di vetro e di molatura del vetro.

Certe volte quando parlo con amici, che vengono da altri settori, non sanno cosa sia la molatura o la lucidatura del vetro, mi sembra quasi impossibile che non la conoscano.

Sono sempre stato talmente tanto attratto dal vetro che tutte le volte che vedo il bordo del vetro, ovunque io mi trovi, mi fermo e lo osservo con attenzione.

Non importa se mi trovo con mia moglie, con amici o con clienti, quando vedo il luccichio del bordo del vetro mi casca l’occhio, come una mia mania.

Forse sono tutte le Fiere a cui partecipo o le viste clienti tramite distributori, che hanno creato in me questa deformazione professionale.

Che si tratti di macchine sportive (Mi è stato tramandato  anche questo dal mio papà) o di  case, e quindi  l’arredamento, cucine, mobili o addirittura negozi, tutto viene fatto in vetro.

Tutto quello che mi appassiona che fa parte di me, della mia storia e del mio sangue è quello che viene lavorato con le mole da vetro e più precisamente, se andiamo a vedere al microscopio, tutto parte dallo  stampaggio ……

Si avete capito bene tutto è nato dallo stampaggio, prima della bachelite,  poi delle parti meccaniche e dopo delle mole in resina, sono oramai 4 generazioni, dal 1921.

La M.L.I è proprio partita grazie alla mia esperienza nello stampaggio e nella comprensione delle esigenze di Lucidatura dei vetrai.

La EcoWonderWheel ha una formula segreta innovativa completamente diversa, nella formula e nel processo, che permette di avere dei risultati incredibili sia in termini di finitura che di durata.

I risultati si ottengono utilizzando macchinari C.N.C. da quelli  più evoluti in verticale a quelle orizzontali.

La EcoWonderWheel è adatta a tutte le lavorazioni e a tutti i tipi di prodotti finiti, si è svolta a Milano la fiera ”Il Salone del Mobile”, visitando gli stand si possono vedere dei vetri bellissimi realizzati da vetrerie che utilizzano la EcoWonderWheel.

La lucidatura che hanno ottenuto sembra al cerio, in realtà è realizzata con le  EcoWonderWheel che con un unico passaggio  permettono al vetraio di risparmiare tempo e soldi nella lavorazione.

Il sistema di utilizzo della EcoWonderWheel permette di avere un vantaggio  anche sui macchinari  che vengono sollecitati meno, le rotazioni e gli avanzamenti, infatti, non necessitano di una così elevata rotazione o pressione.

Molte altre mole lucidanti a forza di ruotare a così alte velocità portano la macchina ad una usura più elevata e questo comporta la necessità di un cambio dei mandrini più sovente, la conseguenza è che, con le altre mole, il vetraio è costretto a fare più manutenzione con consumi energetici superiori.

Vetrai di Mobilieri, a chi fa le cucine, chi produce le cappe, i mobili da bagno, i negozi, i componenti da camera, il mondo del vetro è bello perché è vario e ognuno dei nostri clienti si è delineato un proprio FOCUS, che gli ha permesso di evolvere e di acquistare nel settore di nicchia un marchio e una organizzazione incentrati sulla qualità e sulla esclusività .

Noi Italiani siamo bravissimi a contribuire al raggiungimento del prodotto finito, è per questo che abbiamo un patrimonio di Designe e di Prodotti a livello mondiale che ci viene invidiato.

Che si tratti di barche, macchine da corsa, arredamento da interno tipo salotti, box doccia, cucino e persino mobili da esterno, l’Italia è maestra di stile e di abilità.

Sono tante infatti le aziende italiane che producono in vetro utilizzando tutto il know-how della nostra tradizione e le competenze tecniche e manuali dei nostri artigiani.

Il Made in Italy è un simbolo nel mondo di bellezza, raffinatezza, gusto e lusso.

Il vetro da luce a tutto questo e rende ogni oggetto di designe una piccola opera d’arte.

E’ pensando alla tradizione di eccellenza del nostro paese che ho voluto creare la EcoWonderWheel, per rendere ancora più perfetti e brillanti i bordi del vetro.

L’Italia mi ha aiutato a sviluppare molto il mio prodotto, andando di persona dai vetrai e dai tecnici ho capito esattamente quali fossero le loro esigenze, i lori feed-back a ogni tentativo che facevo mi hanno permesso di evolvere, test dopo test la EcoWonderWheel.

E’ stato il lavoro di anni.

La distribuzione della EcoWonderWheel in Italia avviene in maniera diretta alle vetrerie, senza intermediari tra me e le vetrerie, la cosa importante per me è avere un confronto diretto con il cliente che la utilizza in modo da potergli dare tutte le indicazioni per utilizzare la mola in modo ancora più performante.

Nel mondo, invece, mi avvalgo di Distributori di fiducia, esperti che conosco da anni e anni e sanno dare all’utente finale un servizio di consulenza.

Ovviamente penso che solo chi ha studiato a fondo le EcoWonderWheel  possa realmente dare una consulenza importante, è per questo che attraverso dei corsi di formazione presso la mia azienda o presso i distributori, cerco di dare tutti quei segreti frutto di tanta passione e tanta pazienza.

Il mio obiettivo come produttore di EcoWonderWheel è ambire all’eccellenza, è per questo che non consiglio a tutti i vetrai di acquistare le mie mole.

Le EcoWonderWheel sono per quelle vetrerie che pensano prima di tutto alla qualità del lavoro finito, quelle vetrerie che sanno che per avere degli ottimi risultati bisogna usare i migliori prodotti sul mercato, quelle vetrerie che non si aspettano solo in pacco con le mole dentro, ma vogliono un servizio di qualità, vogliono qualcuno che, anche se dall’altra parte del mondo, ti risponde al telefono se hai bisogno e ti risolve un problema in tempo reale.

Per questo è nata la EcoWonderWheel  per dare una Mola dalle altissime performance e un servizio 24 ore su 24, il mio obiettivo è dare servizio con un prodotto e non viceversa.

Grazie della fiducia e della disponibilità dimostrata e vi aspetto tutti per testare le EcoWonderWheel.

Leave a Reply